ESCAPE

 

La scultura nasce dalla relazione , relazione con lo spazio, con il luogo, con la natura. Una variabile del movimento diventa Forma.

Escape è una promessa e un augurio, una figura che si stacca da terra  e alla terra fa ritorno in un movimento morbido.

Un circolo dall’armoniosa simmetria, senza inizio e senza fine, uno scorcio di eternità innalzato a umano benvenuto per le persone che arrivano e a coloro che torneranno.

Il nastro in alluminio laccato di rosso scarlatto è una spirale a tronco in una dimensione proporzionale  allo spazio in cui è adagiata e sembra rotolare anche se oggettivamente statica. La forma nasce dalla pendenza del prato e sembra cercare nuovi spazi trascendendo la realtà oggettiva per trasformarsi in sensazioni non vincolate né allo spazio né al tempo. L’armonia è ricercata nella dissonanza delle curve, nella torsione del nastro e nelle misure calcolate e scelte.

2014

 


 

Slancio vitale  2012, opera collocata al casello autostradale di Verona Nord


Foliage 2013, Scultura esposta alla Biennale di Racconigi


“ Il colore danza tra i rami”
installazione a Piazza Vittorio Veneto,Verona in “ Scopri Piazza Vittorio Veneto”


click sull'immagine per vedere la galleria fotografica dell'istallazione


marzo 2012


“Cattureremo il cielo”

dall ' 11 Luglio al 30 Settembre 2009

 Villa d'Acquarone (Tenuta Musella), via XX Settembre n. 56, San Martino Buon Albergo

Curatori: Gaia Guarienti e Valentina Marcianò


click per i dettagli della mostra

 

 


 

 

 


TENSIONE
opere 1973-2008

esposta alla Collezione permanente presso il MART di Rovereto
a cura di Gabriella Belli e Daniela Ferrari

 


 

 

"VIA" opera esposta ad Art(Verona2006

 

 

SCULTURA COME RELAZIONE

 La scultura è relazione con lo spazio, con l’ambiente, con le persone, con me stessa. Lo spazio diventa la potenzialità poetica dell’essere dove vuoto e pieno convivono in una danza d’amore nel tempo-spazio della Vita offrendoci la possibilità di esserci come esseri umani.

La mia opera nasce rendendo fisica un’idea, un’emozione perchè ciò che è invisibile al nostro sguardo prende forma nella materia e si riesce a cogliere l’attimo di quel divenire che è la vita.

 

 

 

LE STAGIONI DELL’ANIMA

 L’opera è la libertà della materia pesante e greve riportata alchemicamente alla sua origine nel tentativo di ritrovare il movimento originario di leggerezza e flessibilità, di trasformazione collocandosi nel ciclo della vita di ogni essere umano.
L’arte celebra le stagioni dell’anima e la mia scultura vuole realizzare una  forma compiuta che ha in sé la coscienza d’essere. Il mio essere artista è  nell’anima che ha liberato la sua stessa forma nell’esistenza e cammina per la “Via” della vita.

 

 

ARTE E CREATIVITÀ

L’arte è anche “il fare nel mondo” e Piera Legnagli già dal 1991 decide di dare un risvolto sociale al suo essere artista. Nasce “Arte e creatività”,  una modalità laboratoriale in cui tutti possono trovare la loro dimensione creativa. La mediazione analogica dell’arte viene usata dall’artista come strumento pedagogico per fare emerge le potenzialità che ogni essere umano ha dentro di sé.  

 


 

 

A CUORE APERTO

LA MOSTRA A CASTEL PERGINE NEL 2004

 

CLICK PER VEDERE  IL CATALOGO  DELLA MOSTRA

 

 

 


click per altri dettagli sulla mostra

 


 

Altre opere di Piera Legnaghi

Intreccio, scultura a parete in cartoncino dipinto cm.40x40 - 1973

 

 

 

 

 

Tensione 2, bozzetto in ferro - 1974

 

 

 

 

Intervento nel cortile del Museo di Castelvecchio, Verona
lamiera di ferro mq18, cavi in acciaio, manto erboso - 1977

 

 

 

 

  1. Amaca solare, intervento - 9 piastre in acciaio unite da anelli e cavi in acciaio - 1977

 

 

 

 

Vidja,  installazione, lamiera di ferro, neon - 1980

 

 

 

 

Culla ancestrale, ferro - dimensione variabile - 1988 

 

 

 

In divenire, bozzetto ferro - 1989

 

 

 

 

 

  1. Soffio, scultura in ferro smaltato - misure ed elementi variabili - 1989

 

 

 

Grande Signora, scultura in ferro e cavi in acciaio cm.300x600 -1989.

 

 

 

 

Farfalla, bozzetto ferro - 1990 

 

 

 

Fili d’erba, scultura in acciaio inox altezza massima m.3 - 1995

 

 

 

Torsione, bozzetto in ferro - 1998

 

 

 

 


Maternità, bozzetto in argento - 2000

 

 

 

  1. Elan Vital, Riccioli, installazione in ferro smaltato - elementi variabili - 2002.

 

 

 

 

Elan Vital, Foglia scultura in ferro smaltato,cm.180x60 .

 

 

 

 

Elan Vital, Foglia scultura in ferro smaltato,cm.180x60

 

 

 

Spazio del divenire, installazione in ferro dipinto, misure variabili - 2002

 

 

 

 

 

 

Progetto per una fontana in Borgo Roma a Verona - 2002

 

 

Francesca, scultura in ferro verniciato altezza massima m.180 - 2003

 


 

 

mail: pieralegnaghi@tin.it